sabato 26 marzo 2016

wake up


Svegliatevi, l'incubo è finito. Aprite gli occhi e guardate il sole davanti a voi. La notte è finita ed ora inizia il giorno. Dal momento in cui sai chi sei e ti guardi attorno tutto quello che normalmente ti sembra realtà capisci che è solo una giostra, un palcoscenico dove tutti hanno un ruolo, ma senza saperlo.
Devi solo scendere dalla giostra ed ascoltare una solo timida vocina tra tutti quelli che urlano dentro la tua mente.
Spegni la tv, abbandona i social media se non per comunicare e soprattutto filtra con la tua coscienza tutto quello che ti dicono, non credere alle favole!
Fino ad ora ti hanno fatto credere che devi fare questo e quest'altro, devi avere paura di qualcun altro perché è diverso da te e soprattutto devi continuare a lavorare come uno schiavo per pagare un debito prodotto dalle loro meschine manovre bancarie. Ma il debito in realtà non esiste: è solo un'invenzione delle banche centrali creata ad arte per renderti sempre più schiavo dei loro piani e manovrare la tua vita per non farti svegliare.
Per questo il mondo dell'educazione è sempre più improntato sulla concorrenza e la furbizia e sempre meno sulla collaborazione e l'intelligenza. Se ci fossero in giro tante persone che sanno usare la loro mente anziché esserne schiavi non potrebbero manipolarli per i loro piani.
E poi questi piani, vogliamo parlarne? Cosa te ne fai di tutto il potere e di tutta la ricchezza del mondo quando non c'è amore nel tuo cuore per poter vedere la bellezza, la felicità e godere della libertà di questa splendida vita?
Cosa ve ne fate di questo illusorio immenso potere se il risultato è solo morte, guerre, sofferenza e soprattutto tanta ignoranza e paura?
Apriamo i nostri occhi e guardiamo il mondo con la nostra coscienza ben attenta e senza giudicare: dobbiamo essere testimoni senza implicazioni e confronti, solo guardare, solo il guardare dal cuore e attraverso i sensi.
Guardiamo, ascoltiamo, annusiamo, gustiamo e tocchiamo la vita ogni giorno cogliendo ogni attimo come un regalo e ringraziando l'esistenza per tutta la bellezza che esiste, tutti noi insieme senza divisioni, io sono loro e loro sono me, senza separazioni perché siamo una cosa sola, un unico piano divino universale che coesiste in un solo attimo: ora.
Namastè
Satyam Alessandro Orlandi
–---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Wake up, the nightmare is over. Open your eyes and look at the sun in front of you. The night is over and now begins the day. From the moment you know who you are and you look around everything normally it seems really understand that it is only a carousel, a stage where everyone has a role, but without knowing it.
You just off the carousel and listen only a timid little voice of all those who scream inside your mind.
Turn off the TV, abandons the social media except to communicate and especially filters with your conscience all that they tell you, do not believe in fairy tales!
So far they have made you believe you must do this and that, you have to be afraid of someone else because it's different from you and above you have to continue to work as a slave to pay a debt produced by their petty banking maneuvers. But the debt does not really exist: it is just an invention of the central banks created on purpose to make you more and more a slave of their plans and maneuver your life so you do not wake up.
This is why the world of education is increasingly focused on competition and the cunning and less and less on collaboration and intelligence. If there were so many people around who know how to use their minds instead of being slaves could not manipulate them to their plans.
And then these plans, we want to talk about it? What do you do with all the power and all the wealth of the world when there is no love in your heart to be able to see the beauty, happiness, and enjoy the freedom of this beautiful life?
What do you do with this illusory immense power if the result is only death, wars, suffering, and especially so much ignorance and fear?
We open our eyes and look at the world with our well-attentive conscience and without judgment, we must be witnesses without implications and comparisons, just watching, just watching from the heart and through the senses.
Look, listen, smell it, taste, and touch their lives every day taking every moment as a gift and thanking the existence for all the beauty that exists, all of us together without divisions, I am them and they are me, no separations because we are a one, one universal divine plan that coexists in a single moment: now.
Namastè
Satyam Alessandro Orlandi


venerdì 18 marzo 2016

Cosa ricordiamo delle persone?



Oggi pensavo a cosa ci resta nella memoria quando pensiamo ad una persona. Cosa ricordiamo fondamentalmente ed in modo automatico pensando ad una determinata persona? L'aspetto fisico, il suo modo di fare, il suo carattere, quello che fa nella vita?
Credo che ognuno dia priorità all'aspetto che più si avvicina alla nostra concezione di identificazione.
Chi sono io?  e quindi Chi è Lui?
In realtà tale distinzione è solo fittizia in quanto frutto di un illusione di separazione... ma se vogliamo restare con i piedi per terra parliamo solo degli aspetti psico fisici relativi alla nostra attuale esperienza fisica di qui e ora.
Io quando penso a qualcuno mi collego istintivamente alla mia parte più emotiva, quella cosiddetta del cuore. Penso e ricordo soprattutto quei momenti in cui questa persona ha mostrato la parte più tenera della sua umanità, con un gesto carino, delle parole dolci, di conforto o magari un sorriso, un abbraccio.
Credo che queste siano le cose più importanti e soprattutto per quanto mi riguarda sono le cose che lasciano un segno nella mia memoria e nel mio cuore.
E voi a cosa pensate?
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Today I was thinking of what remains in the memory when we think of a person. Basically what we remember and automatically you are thinking of a particular person? The physical appearance, his manner, his character, what he does in life?
I think everyone gives priority aspect that is closest to our conception of identification.
Who am I? and then Who is He?
In reality, this distinction is only fictitious as the result of an illusion of separation ... but if we keep our feet on the ground we speak only of mental and physical aspects of our current physical experience of the here and now.
When I think of someone I connect instinctively to my most emotional part, the so-called heart. I think, and I remember especially those moments when this person showed the most tender part of his humanity, with a nice touch, the sweet words of comfort or even a smile, a hug.
I think these are the most important things and especially for me are the things that leave a mark in my memory and in my heart.
And you what do you think?

mercoledì 16 marzo 2016

Essere un insegnante

http://www.huffingtonpost.it/2016/03/14/stephen-hawking-racconta-_n_9456884.html?utm_hp_ref=scienza#
http://www.huffingtonpost.it/2016/03/14/stephen-hawking-racconta-_n_9456884.html?utm_hp_ref=scienza#

Essere un insegnante è molto di più che fare l'insegnante poiché il risultato del suo ottimo lavoro è inestimabile: creare un onda positiva che si diffonde nel futuro fino a plasmarlo. 
Abbiamo bisogno di ottimi insegnanti non di ottimi voti , di creatività e non pappagalli , di individui e non persone assoggettate alla cultura di massa.
----------------------------------
Being a teacher is much more than to be a teacher as the result of his good work is invaluable: create a positive wave that spreads in the future to shape it.
We need good teachers not excellent grades, creativity and not parrots, individuals and persons not subject to mass culture.


martedì 8 marzo 2016

Possibile e impossibile



Si funziona proprio così : da quando sei un bambino e ti dicono questo si, questo no, quest'altro è possibile , quello è impossibile : sono tutte stronzate . Il tuo cuore , la parte di essenza più pura dentro di te sa, conosce , è lì che attende il tuo intento. Abbiamo tutti uno scopo e quando lo seguiamo non ci può fermare nulla .
Namaste 
Alessandro Satyam Orlandi
-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
It works just as well: since you were a child, and everyone around you say: this is, no, this one is possible, what is impossible: all bullshit.
Your heart, the part of the purest essence inside you know, he knows, is there awaiting your intent. We all have a purpose and when we follow him we can not stop anything.
Namaste
Alessandro Orlandi Satyam

Cosa ci stiamo perdendo ?


Cosa ci stiamo perdendo?
Sono ormai mesi che mi frulla nella testa un pensiero: sto realmente vivendo consapevolmente facendo delle scelte la mia vita oppure sono intrappolato in un'illusione da me stesso creata ad arte insieme a milioni di persone?
Se ne potrebbe parlare con migliaia di parole arrivando a diverse risposte più o meno plausibili e quindi un ulteriore perdita di tempo.
Quindi vi dico: spegnete sto cazzo di Facebook e trovatevi un posto immerso nella natura, fate una passeggiata o comunque un'attività motoria che vi scarica e nel contempo vi rilassa e poi osservate, semplicemente osservate la bellezza della natura che vi circonda, senza pensieri e senza giudizi, valutazioni o altre menate...
Esiste solo chi guarda ed il guardare... ed il resto?
Io lo farei ogni giorno per un bel po', fino a quando non sorge una consapevolezza nuova, una nuova naturalità che sorge dal profondo di noi stessi: quella vocina flebile dentro noi stessi che prova a dirci qualcosa da quando siamo nati, disturbata da mille voci e rumori assordanti di tutti quelli che ci stanno intorno e che vogliono o no inculcarci qualcosa.
Se sentite questa vocina potrà dirvi qualcosa di simile a questo:
"Lo senti questo immenso dolce suono del silenzio?: Sei tu, è tutto, è..."
Sentilo più spesso se puoi
Proviamoci almeno, altrimenti questo sogno che costruiamo ogni giorno pare senza senso oppure viene usato dagli altri per scopi poco naturali, dove non esiste la consapevolezza e la libertà.
Satyam Alessandro Orlandi
-------------------------------------------------------------------------------------
I am now months that I blend in the head a thought: I'm really living consciously making choices of my life, or are trapped in an illusion of myself crafted along with millions of people?
If she could speak with thousands of words arriving at different more or less plausible answers, and then a further loss of time.
So I say: I'm fucking turn off Facebook and someplace place surrounded by nature, take a walk or otherwise motor activity that will download and at the same time relaxes you and then look, just observe the beauty of nature that surrounds you, no worries and without judgments, assessments or other shits ...
There is only the viewer and look ... and the rest?
I would do it every day for a while ', until it is a new awareness, a new naturalness that rises from the depths of ourselves: that small voice inside ourselves trying to tell us something since we were born, disturbed by a thousand voices and loud noises of all those who are around us, and they want it or not inculcate something.
If you hear this little voice will tell you something like this:
"Do you feel this immense sweet sound of silence ?: Are you, is everything, is ..."
Feel it more often if you can
Let's try at least, otherwise this dream that we build every day seems meaningless, or is used by others for unnatural purposes, where there is no awareness and freedom.
Satyam Alessandro Orlandi

lunedì 7 marzo 2016

Ricco o felice ?


Tutti gli istanti della vita passata e futura hanno una loro valenza , un valore che è approssimativamente proporzionale a quello che ti serve per progredire . 
Se fai una breve meditazione cercando di far apparire del tuo passato i più intensi istanti scoprirai che in gran parte sono legati a vivere nel quieora qualcosa legato all'amore, alla bellezza , alla consapevolezza...
Vuoi veramente essere ricco di denaro oppure è preferibile essere felice?
Possibilmente tutti e due oppure...
La seconda che hai detto! 😀 
--------/------------------------
All the moments of the past and future life have their value, a value approximately proportional to what you need to progress. If you do a short meditation trying to bring up your past the most intense moments you will find that for the most part are bound to live in hereandnow something related with love, beauty, awareness ... Do you really want to be rich in money or better to be happy? Possibly both, or ... The second you said! 😀

Libreria della nuova umanità

  • FISH! di S.C.Lundin, Harry Paul e J. Christianses - Sperling & Kupfer Editori
  • Il Bar Celestiale di Tom Youngholm MANDALA Ed
  • Il libro di Mirdad di Mikail Naimy
  • Istruzioni di volo per aquile e polli di Anthony De Mello PIEMME POcket
  • La decima illuminazione di James Redfield MANDALE Ed
  • La Profezia di Celestino di James Redfield MANDALA ED.
  • La via del guerriero di pace di Dan Millman Edizioni IL PUNTO D'INCONTRO
  • Lettere dalla Kirghisia di Silvano Agosti
  • Tutta la bibliografia di Eckhart Tolle
  • Tutta la bibliografia di OSHO
  • Tutta la bibliografia di PAULO COELHO
  • Tutta la bibliografia di Thích Nhất Hạnh
  • Tutta la bigliografia di Ramana Maharshi
  • Una Sedia per l'anima di Gary Zukav MANDALA Ed.

Tramonto

Tramonto

Archivio blog

Informazioni personali

La mia foto
Genova, Liguria, Italy
Per ogni info non dubitate a contattarmi via mail